IL SANGUE E’ UN ORGANO

IL SANGUE È UN ORGANO

Estratti dal corso con Jaap van der Wal – Loro Ciuffenna (AR), 15-17 Giugno 2007 dal corso “La parola all’embrione” con Jaap van der Wal: Roma, 30 Ottobre 2008

Il sangue non è un fluido, ma è un organo che può comportarsi fluidamente. Per contenere i fluidi abbiamo bisogno dei vasi. Il sangueimages-1 non ha anatomia. Ma come la mettiamo con il capitolo sull’angiologia di un libro di anatomia? Abbiamo all’incirca 5 litri di sangue e più o meno 3-4 litri sono in questi vasi sanguigni, ma l’altro litro è nei capillari e questa è veramente la qualità del sangue. 40.000 km di capillari in un corpo adulto con un litro di sangue.
Per vedere la “geografia” dei capillari dovete adoperare una tecnica speciale. Prendete un organo e iniettate nei suoi vasi sanguigni della plastica fluida che va a finire anche nei capillari. Se prendiamo poi i vasi capillari e li mettiamo in una soluzione basica, i tessuti spariscono e rimane la forma del polmone, del rene o del cervello.
L’anatomia del sangue è quella di essere dappertutto e di prendere la forma del corpo. Il fegato è molto egoista, prende tutto lo spazio a destra, ma il sangue prende la forma di tutto il corpo. L’anatomia del sangue non ha nessuno scopo, non è un’anatomia egoista ma al contrario è generosissima, È aperta e continua a scorrere. Il sangue è l’organo della mediazione. Sapete cosa succede quando nell’evoluzione appare il sangue? Gli animali s’ingrandiscono. Il sangue scolpisce lo spazio perché connette. Tutto il giorno produciamo pensieri e tutto il veleno di questi pensieri viene trasportato ai reni per essere espulso. All’opposto prendiamo sempre più ossigeno per ristorarci da questi veleni. Il sangue è l’organo dell’essere in mezzo, dell’intermediazione. È l’organo più anticartesiano che ci sia. I polmoni e il fegato sono organi tipici dell’anatomia. Ma il sangue è ovunque e da nessuna parte. Se volete cercare lo spirito, l’anima cercateli nel sangue non nel cervello. Nello sviluppo embrionale sarà più evidente il ruolo del sangue come organo intermediario.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *